Valutazione Rischio Rumore

La valutazione del rischio rumore  rileva i rumori all’interno degli ambienti di lavoro, e permette così di constatare se l’esposizione al rumore da parte dei lavoratori rimane all’interno dei limiti di sicurezza definiti dalla normativa.

 

L’art. 190 del D.Lgs. 81/2008 impone al datore di lavoro l’obbligo di effettuare una valutazione del rumore all’interno dell’azienda, per individuare eventuali lavoratori esposti al rischio rumore ed attuare gli appropriati interventi di prevenzione e protezione della salute.

La valutazione rischio rumore è richiesta in tutte le aziende, indipendentemente dal settore produttivo, nelle quali siano presenti lavoratori subordinati o equiparati ad essi.

La valutazione rischio rumore deve confluire nel Documento di Valutazione dei Rischi. La valutazione dell’esposizione a rumore, come indicato nel Testo Unico, deve essere aggiornata ogni 4 anni. L’art. 202 del D.Lgs. 81/2008, impone al Datore di Lavoro di effettuare una valutazione e/o misurazione dei livelli di vibrazioni a cui sono esposti i lavoratori, per determinare se costituiscono un potenziale rischio per la salute, ed attuare di conseguenza gli appropriati interventi di prevenzione e protezione. L’esposizione umana a vibrazioni si differenzia in Esposizione del Sistema Mano-Braccio, Esposizione del corpo intero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.